Oms: entro due mesi metà degli europei sarà contagiata da Omicron, che buca anche i plurivaccinati

AGI – All’attuale tasso d’infezione, oltre il 50% degli europei sarà contagiati da Omicron entro due mesi. Lo ha detto l’Oms. “A questo ritmo, l’Institute for Health Metrics and Evaluation (Ihme) prevede che oltre il 50% della popolazione della regione sarà infettata da Omicron entro le prossime sei-otto settimane”, ha affermato il direttore dell’Oms Europa, Hans Kluge, durante una conferenza stampa online, sottolineando che questa variante può infettare anche persone che sono state precedentemente malate o vaccinate.

Sono oltre sette milioni i nuovi casi di Covid-19 registrati in tutta la regione europea nella prima settimana del 2022, dato più che raddoppiato in un periodo di due settimane ha dichiarato il direttore dell’Oms Europa, Hans Kluge, durante una conferenza stampa online.

Al 10 gennaio, ha aggiunto Kluge, 26 Paesi della regione hanno riportato che oltre l’1% della loro popolazione si sta infettando ogni settimana. Da sottolineare che per l’Oms la regione europea arriva fino alla Russia europea a comprende le ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale.

Le decisioni dei governi di accorciare la durata delle quarantene per il Covid devono considerare attentamente rischi e benefici e sono ammesse solo “in combinazione con test negativi e solo se sono essenziali per preservare la continuità dei servizi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.